Dr Alberto Caramagno
Specialista in Ortopedia e Traumatologia - Chirurgia protesica e artroscopica

TRATTAMENTI SULLA SPALLA

Alberto Caramagno è specializzato in numerosi trattamenti chirurgici riguardanti la spalla.

La spalla è composta da cinque articolazioni: la sterno-clavicolare, la sub-acromiale, la gleno-omerale e la scapolo-toracica.

L’articolazione principale è la gleno-omerale, formata dalla testa sferica dell’omero e da una zona piatta della scapola chiamata glena. La testa dell’omero è 3 volte più ampia della superficie della glena. Questo rende la spalla l’articolazione più mobile del corpo umano. L’articolazione è stabilizzata da un labbro cartilagineo e da un complesso di legamenti e da un manicotto di tendini che tengono ferma la testa dell’omero contro la glena. Questo manicotto di tendini è chiamato cuffia dei rotatori.

L’enorme mobilità della spalla ne fa anche una articolazione intrinsecamente instabile. È infatti l’articolazione che più facilmente è soggetta alle lussazioni.

L’articolazione acromion-claveare consiste nella giunzione tra la clavicola e la scapola. Essa è stabilizzata da legamenti e comprende un menisco. L’articolazione può essere danneggiata da un trauma o dall’uso protratto.

L’articoalazione subacromiale è lo spazio tra l’apice della spalla (acromion) e la sottostante cuffia dei rotatori. Questa articolazione è la più frequente causa di dolore alla spalla a causa di lesioni o problemi dei tendini della cuffia.

Capsulite adesiva (spalla congelata)

La caspulite adesiva è un disordine della capsula che circonda l’articolazione gleno-omerale in cui la spalla diventa infiammata e progressivamente rigida oltre che molto dolente. La causa esatta è sconosciuta e, se non trattata, i sintomi possono durare fino a 3 anni. Il trauma, certi interventi chirurgici e il diabete sono condizioni favorenti. Raramente colpisce persone sotto i 40 anni.

Il trattamento è quasi sempre non chirurgico e si avvale della fisioterapia e dei farmaci antiinfiammatori. Si può associare la terapia infiltrativa. Nei casi resistenti al trattamento conservativo (20%) è indicato il trattamento chirurgico in artroscopia.

Lesioni dell’articolazione acromion-claveare

I legamenti di questa articolazione possono essere danneggiati da un violento impatto, di solito per una caduta sull’apice della spalla.

Nei casi lievi si cura con l’utilizzo di tutori specifici.

Nei casi più gravi si fa ricorso alla stabilizzazione chirurgica.

Artrosi acromion-claveare

L’artrosi di questa articolazione può essere molto dolorosa e limitare i movimenti della spalla.

Si può curare con farmaci antiinfiammatori e terapia infiltrativa.

Nei casi più difficili si procede al trattamento chirurgico di cheilectomia (asportazione degli osteofiti) o di artroplastica.

Lesioni della cuffia dei rotatori

Una lesione dei tendini della spalla si verifica per l’‘usura’ protratta nel tempo, meno frequentemente per un trauma distorsivo della spalla.

Il trattamento chirurgico maggiormente eseguito è la riparazione della cuffia dei rotatori in artroscopia.

In alcuni casi si può curare senza ricorrere all’intervento chirurgico, grazie alla fisioterapia.

Conflitto della cuffia dei rotatori

Una lesione dei tendini della spalla si verifica per l’‘usura’ protratta nel tempo, meno frequentemente per un trauma distorsivo della spalla.

Il trattamento chirurgico maggiormente eseguito è la pulizia e decompressione dello spazio subacromiale.

In alcuni casi si può curare senza ricorrere all’intervento chirurgico, grazie alla fisioterapia.

Instabilità e lesioni legamentose

I legamenti della spalla possono lacerarsi a seguito di una lussazione. Questa può essere causata da un trauma generalmente indiretto, che comporta la perdita completa dei rapporti articolari.

A seguito di una lussazione la spalla può rilussarsi anche per traumi di lieve entità o per movimenti banali.

Il trattamento chirurgico maggirmente eseguito è la stabilizzazione chirurgica artroscopica.

Artrosi della Spalla

L’artrosi è una malattia degenerativa dell’articolazione che ne determina la progressiva usura i cui sintomi principali sono il dolore e la rigidità. Essa è spesso associata a gravi lesioni della cuffia dei rotatori.

La cura consiste inizialmente nell’utilizzo dei farmaci antiinfiammatori, ginnastica mirata, uso della borsa del ghiaccio, infiltrazioni con acido ialuronico.

In alcuni casi è necessario ricorrere al trattamento chirurgico con gli interventi di protesi parziale o totale.

Our Blog

Latest Updates

Le lesioni meniscali sono tra le più comuni lesioni del ginocchio. Gli sportivi, in particolare chi pratica sport di contatto o sport ove vi è una forte componente torsionale del ginocchio, sono particolarmente a rischio. Tuttavia chiunque si può rompere un menisco, e in qualunque fascia di età. Anatomia Il ginocchio è un’articolazione costituita dall’incontro… Continua a leggere

Continue Reading

Quando l’articolazione dell’anca è colpita dall’artrosi, o da problemi cartilaginei in generale, può rivelarsi estremamente utile iniettare all’interno di essa delle sostanze in grado di contrastare questi fenomeni. La sostanza che maggiormente viene utilizzata in questa modalità per la cura dell’artrosi è l’acido ialuronico. Come abbiamo visto in precedenza, l’iniezione di acido ialuronico all’interno di… Continua a leggere

Continue Reading

In uno dei precedenti articoli di questo blog ho parlato di sindromi dolorose femoro-rotulee, un gruppo di condizioni caratterizzate da un dolore al ginocchio localizzato nella zona della rotula e intorno a essa. Il dolore può essere accentuato dall’attività fisica o dal mantenere la posizione seduta per un periodo prolungato e può coinvolgere una o… Continua a leggere

Continue Reading
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: